“Ricordi di Palio” sulle tracce di Angelo Meloni, detto Picino, uno dei fantini che hanno scritto la Storia del Palio di Siena

di Michele Fiorini, Michele Scialoja, Federico Corsi, Simone Carloni e Michele Landi

(tempo di lettura dell’articolo: 1 minuto e 30″)

(durata del video 31′ 23″)

Scrivere di personaggi così importanti per la Storia del Palio di Siena e per tutta la città ci fa quasi tremare le mani sulla tastiera del computer. Tredici Palii vinti per ben sette Contrade diverse, una carriera iniziata a 17 anni e 4 mesi di vita e conclusasi dopo aver calcato il tufo di Piazza del Campo per ben 33 anni, con 52 Palii corsi. Può bastare o ce n’è dell’altro? No, c’è anche un padre, Filippo, che vinse un Palio alla Romana e un figlio, Corrado Meloni, detto Meloncino, che vinse altri due Palii, facendo Cappotto nel 1934.

Michele Fiorini e Michele Scialoja sono andati a Canepina, in provincia di Viterbo, dove il Comune ha allestito nelle sale del Palazzo Comunale un museo dedicato ad Angelo Meloni, indiscusso eroe cittadino, a suo padre e suo figlio. Il loro racconto si snoda dal 1897, anno in cui Picino esordì a 17 anni 4 mesi (tra l’altro illegalmente, perché anche all’epoca era richiesta un’età minima di 18 anni, come ci ha detto Orlando Papei del nostro sito partner ilpalio.org). La Storia scritta da Picino è legata soprattutto a due Contrade, la Nobile Contrada dell’Oca e la Contrada di Valdimontone, per cui Picino vinse quattro Palii per ciascuna. Per il primo Palio vinto nell’Oca nel 1906 fece capolino nella dirigenza di Fontebranda un giovanissimo Ettore Fontani, che poi sarebbe divenuto in seguito il Sor Ettore, personaggio leggendario di quella Contrada. E poi la acerrima rivalità con Ganascia, anche per questioni di donne, per poi giungere alle dispute di Contrada, dettate prima dall’alleanza del T.O.N.O. e poi dalle rivalità nascenti tra Torre e Onda e tra Aquila e Pantera. Non mancano le citazioni dei primi cavalli che divennero famosi in Piazza, come Lina, Ruello, Wally e Folco, che con Ganascia fece Cappotto nel 1933, proprio l’anno in cui si concluse la splendida parabola paliesca di Picino.

Un video tutto da godere, la prima uscita “ufficiale” del Gruppo “Ricordi di Palio” in esterna.

Buona visione! E non dimenticate di commentare qui sotto! Diteci la vostra e risponderemo!!!

Fabrizio Gabrielli

Riferimenti:

La scheda di Angelo Meloni, detto Picino su ilpalio.org

La scheda di Corrado Meloni, detto Meloncino su ilpalio.org

  • Foto tratta da ilpalio.org

  • Angelo Meloni detto Picino vinse 13 Palii tra il 1902 e il 1930
  • Ecco il giubbetto con cui Angelo Meloni detto Picino vinse uno dei quattro Palii per la Nobile Contrada dell'Oca
  • Il giubbetto di Angelo Meloni con cui Picino vinse uno dei quattro Palii per la Contrada di Valdimontone